Diritto del web e responsabilità civile

Una cattiva ferita si può guarire, ma la cattiva reputazione uccide

Furto identità digitale
Qualcuno ha creato un account falso utilizzando i tuoi dati identificativi?

Tale condotta, penalmente rilevante, potrà ledere gravemente la tua reputazione e causarti ingenti danni, sia economici che personali. Un intervento tempestivo, introdotto mediante un ricorso d’urgenza ex art. 700 cpc, sarà il punto di partenza di un’azione mirata a limitare i danni e a porre i presupposti per un’efficace azione risarcitoria. La manipolazione della identità personale fatta sul web può avere effetti catastrofici nella vita di una persona.

Non perdere altro tempo e contattami ora per ottenere un intervento tempestivo finalizzato a bloccare immediatamente tutte le condotte lesive della tua immagine e reputazione →


Profilo fake e danno reputazionale
Ti hanno clonato il tuo profilo Facebook, Instagram, LinkedIn?
Con il profilo fake stanno postando contenuti difformi dal tuo modo di agire e pensare?

Se hai subito un furto d’identità è probabile che tu sia anche vittima di una pericolosa condotta manipolatoria che sta distruggendo la tua immagine e reputazione. In queste situazioni è necessario adottare una procedura d’urgenza. Proponiamo un metodo efficace che, contestualmente al deposito di denuncia-querela, abbia quale primario obbiettivo il blocco della condotta denigratoria. Poste le basi probatorie si instaurerà immediatamente una procedura di risarcimento danni. La potenza virale del web non ammette tentennamenti.

Chiamami ora per salvaguardare la tua identità personale e richiedere il ristoro dei danni patiti →


Diffamazione on line
Sei stato vittima di commenti denigratori postati su un social network?
Hai subito un danno reputazionale ma non sai quantificarlo?

La pubblicazione sul web di un post offensivo integra il reato di diffamazione aggravata. La sanzione penale che verrà comminata al soggetto responsabile non basterà, tuttavia, a ristorarti dai danni patiti. La quantificazione del danno web-reputation non è semplice. Non ci si può affidare a mere presunzioni ma occorre allegare specifiche relazioni tecniche che dimostrino sia il danno psichico che quello patrimoniale. Non lasciare che il patimento interiore condizioni la tua vita di relazione o la tua dimensione progettuale.

Contattami subito per capire come far cessare tali condotte e ottenere la punizione del colpevole ed il risarcimento dei danni →


Cyberstalking e cyberbullismo
Il tuo ex ha pubblicato le tue foto su siti di incontri pubblicando il tuo numero di telefono?
Tuo figlio viene bullizzato mediante i social con la pubblicazione, da parte dei compagni d scuola, di insulti e sbeffeggiamenti corroborati da like e condivisioni?

Simili condotte creano uno stato di angoscia e paura nella vittima, portandola, nella migliore delle ipotesi, a cambiare residenza, numero di telefono, scuola, città e stile di vita. Il nostro ordinamento giuridico offre gli strumenti per far cessare tali comportamenti illeciti.

Contattami il prima possibile per permettermi di intervenire tempestivamente ed ottenere l’immediata cessazione delle condotte persecutorie perpetrate nei confronti tuoi e dei tuoi figli →


Indicizzazione con abbinamento lesivo e danno reputazionale
Il tuo nome o quello dellatua azienda appare nei risultati di Google Suggest con un abbinamento ingiustificato e denigratorio?

L’abbinamento del proprio nome con determinate parole può essere fonte di gravissimi danni all’onore e all’immagine. Ancor più se la web-identity è il presupposto dell’attività esercitata dal soggetto interessato all’illecito trattamento del dato. Infatti, l’utente che legge tale abbinamento è immediatamente indotto a dubitare dell’integrità morale dell’azienda o della persona. Occorrerà innanzitutto chiedere a Google l’immediata disattivazione dell’abbinamento lesivo. Spesso una diffida ben scritta è sufficiente a far cessare l’illecito. Tuttavia, se la condotta dovesse persistere o se avessi subito un danno, potrai avviare una specifica procedura d’urgenza per chiedere all’autorità giudiziaria la disattivazione dell’abbinamento illegittimo ed il ristoro dei danni subiti.

Contattami per conoscere quale strategia attuare e per non disperdere le prove che saranno poste alla base dell’azione risarcitoria →


Lesione del diritto all’oblio, motori di ricerca e danno reputazionale
Sei stato indagato e poi prosciolto ma il tuo nome, associato al processo, compare ancora nei motori di ricerca?
Sei stato condannato per un reato compiuto diversi anni fa ma il tuo nominativo compare tra le prime ricerche in Google?

Google respinge, ingiustificatamente, oltre la metà delle richieste di no-index, negando, di fatto, il diritto all’oblio. Non sempre però la posizione del colosso americano viene ritenuta legittima dai Garanti sulla Privacy e dai Tribunali. Ogni qualvolta la indicizzazione viene compiuta su notizie superate o scorrette , non solo si potrà ottenere la delisting, ma si potrà altresì richiedere anche il risarcimento del danno reputazionale patito.

Contattami per conoscere come obbligare Google e de-indicizzare notizie lesive →